..

Penso che il buon cibo sia gioia ed espressione dei colori dell'anima di chi cucina e l'ingrediente speciale che rende gustosa ogni ricetta è l'Amore. Non saprei descrivere la ricchezza che mi da realizzare una ricetta nuova o della mia tradizione abruzzese... il mio sogno nel cassetto era avere una piccola trattoria in campagna...il cassetto non l'ho chiuso ed il sogno è ancora li...per adesso la mia casa è la trattoria dove ospito chi amo e questo blog è la mia trattoria per voi!



lunedì 12 dicembre 2011

Sapor di Natale in Abruzzo:Sua maestà il Parrozzo!




Ci siamo quasi...bè in realtà manca ancora più di un mese ma si vede gia qualche timida lucina che illumina gli abeti e nei centri commerciali gia ci sono i panettoni....buoni buoni per carità,ma perchè non preparare da noi un dolce in casa che riscaldi i pensieri con il ricordo del Natale e addolcisca i cuori con il sapore del cioccolato?? Bene io ve ne propongo uno della nostra tradizione Abruzzese,tanto caro al nostro Gabriele D'Annunzio che ne cantava le lodi nella sua canzone sul PARROZZO! (se clicccherete troverete un pò di storia su questo tradizionale dolce)
Io lo preparo tutti gli anni perchè per me sa di famiglia,di presepe e di camino che sfavilla mentre si gioca a tombola e a volte lo scavo a mo' di grotta per poggiarci dentro delle statuine di zucchero che rappresentano la natività...oltre ad essere buono così è anche teneramente bello!!!....è un dolce semplice che si prepara velocemente e si conserva a lungo,quindi ve lo consiglio vivamente!!!
Io l'ho gia preparato ( e consumato!!!!!!!!!) anche perchè la cara Asiul del forum alfemminile.com sta preparando un simpatico video di Natale e pazientemente sta raccogliendo le nostre ricettine e io partecipo con il mio parrozzetto!!
Bè ora basta con le chiacchiere e passiamo ai fatti....


Oltre all'amore che metto in ogni ricetta ho usato....


6 uova
200 gr di zucchero
1 pizzico di sale
3 cucchiai di olio evo
3 cucchiai di amaretto di Saronno
la buccia grattugiata di un limone o un'arancia non trattati
150 gr di farina di semola
250 gr di mandorle tostate e macinate
200 gr circa di cioccolata fondente per la copertura


Occorre anche il tegame a forma di cupola se volete realizzare l'originale
ma potete ricorrere a qualsiasi teglia o tortiera!


Montate i tuorli con lo zucchero fino a renderle chiare e cremose e mettetele da parte;ora montate a neve gli albumi con il pizzico di sale...riprendete i tuorli montati e aggiungete,mescolando lentamente con un cucchiaio di legno,l'olio,l'amaretto,gli albumi montati ed infine le mandorle e la semola;mescolate fino ad assorbimento degli ingredienti...infornate a 180° per circa 40 minuti (io faccio sempre la prova stecchino)e sfornate lasciando raffreddare bene prima di ricoprire con il cioccolato fuso a bagnomaria!Il lievito non va messo ma se volete una puntina di lievito per dolci è concessa!!
Vi consiglio di ricoprire subito il Parrozzo appena freddo per non farlo asciugare troppo e ultimo consiglio,ma non per questo meno importante,se in qualche ricetta troverete la farina 0 o 00 io la sconsiglio perchè rischierete di avere un dolce troppo asciutto e secco!!

La fetta che vi mostro sembra un pò rozza e anonima ma ve l'assicuro che è squisita soprattutto accompagnata da un bicchierino di Aurum,altra specialità di queste vie.........


Per gli auguri è presto e ve li darò in seguito....anche per il Parrozzo è presto,ma come si fa a resistere....vi giustifico!!!
Un abbraccio...a presto!!!

                                     Con questa ricetta partecipo alla raccolta

http://www.lascimmiacruda.info/2009/11/14/nuova-raccolta-regali-di-natale-da-gustare/comment-page-1/#comment-412

2010
Con questa ricetta partecipo anche alla raccolta di Minù 2010

scade il 19 dicembre 2010

14 commenti:

  1. Non vale!! Mi hai fatto venire nostalgia!!
    Questo dolce io lo mangiavo da bambina, quando mi recavo in abruzzo con la mia famiglia a trovare i nostri parenti durante le festività Natalizie!
    Mia nonna era natia di Colonia Spiaggia io li ho ancora molti parenti !!
    Sai che faccio, ora ti rubo la ricettina così mi preparo questa meraviglia!

    RispondiElimina
  2. Mi piace tanto questo dolce e nel bar ne vendevamo un sacco a Natale, la tua mamma mi ha dato la ricetta e quest'anno farò una bella sorpresa ai miei che lo adorano!!
    Un bacio tesoro e..... a presto!!!!!
    Belissima la foto e il dolce altrettanto!!

    RispondiElimina
  3. Bravisssimaaaa sandrina....l'appunto e la preparerò ben presto.grazie per la ricetta...cercavo una collaudata.

    bacioni

    RispondiElimina
  4. non lo conoscevo e mi piace parecchio!!
    farà parte della lista "dolci da fare"!!!

    RispondiElimina
  5. sarà anche buonissimo...ma è anche bellissimo!!!!è veramente fine!!!brava sandrina!!!!

    un bacione ;-)

    RispondiElimina
  6. mi sono persa qualche passaggio,ma ora recupero...spulcio tutte le ricette e prendo carta e penna.Il parrozzo è un capolavoro.e' cosi' bello che dispiace mangiarlo,quindi non fatelo, ci pensero' io...hi,hi,hi!

    ciao Sandraaa!

    RispondiElimina
  7. Sono curiosa di provarla! Mi piacciono tanto le torte di una volta e le ricette delle nonne.
    Ti farò sapere
    Ciao

    RispondiElimina
  8. Conosco benissimo questo dolce...il tuo è perfetto! Complimenti!

    RispondiElimina
  9. vedi come stanno le cose teso', io già a 12 anni avevo stabilito quella linea sottile eheheheh

    RispondiElimina
  10. bbono il parrozzooooooooo.......... Quando vado in Abbruzzo me "scofano" sempre, e mò so pure come si fa............. Oddio, disastrooooooooo....
    bacioni miluttina belassa

    RispondiElimina
  11. ma sai che non lo conscevo affatto!?
    ma cosa mi nsono persoooo!!!
    grazie per avermelo fatto conoscere prima o poi lo rifaccio :)

    RispondiElimina
  12. ciao, posso permettermi un consiglio? fai 150 gr di mandorle dolci e 50 amare...la caratterisitca del nostro parrozzo è data soprattutto da queste ultime ( così ometterai l'amaretto..). Poi io non uso tutto semolino , proprio perchè sennò è troppo secco...faccio 150 farina e 50 semolino....la cupola è fondamentale come stampo...comunque mi raccomando, fai conoscere a tutti le nostre buonissime tradizioni. Spero non te la sia presa per questi suggerimenti... ciao, Stefania da Pescara.

    RispondiElimina
  13. perdonami...ho fatto un errore : metto 100 di farina e 50 di semolino.....e 250 di zucchero, perchè ci sono le mandorle amare....

    RispondiElimina